Giornata tipo

  • Dalle 7:30 accoglienza
  • 9:00-9:30 spuntino a base di frutta
  • 9:30-11:00 attività didattiche
  • 11:00-11:30 preparazione igienica per il pranzo
  • 11:30-12:30 pranzo
  • 12:30-13:00 preparazione alla nanna e prima uscita
  • 13:00-15:30 nanna
  • 15:30-16:30 cambio e merenda
  • 16:30-19:00 gioco libero e laboratori come da calendario.
  • Uscite

 

 

Programmazione

Che cos’è il gioco euristico?

Il gioco euristico consiste nel dare ad un gruppo di bambini oggetti di diversa natura con i

quali possono giocare liberamente senza l’intervento dell’adulto.

Il gioco euristico è inteso come attività di esplorazione spontanea che il bimbo compie su

materiale di tipo “non strutturato”, “povero”, ovvero che non fa parte dei giocattoli

tradizionali.

Durante quest’attività l’adulto funge principalmente da osservatore e cerca di creare una

comunicazione tranquillizzante e non invadente con il bambino.

Tra i 6 e i 12 mesi quest’attività è limitata ad un “cestino dei

tesori”, mentre tra i 12 e i 36 mesi si possono organizzare delle

“isole dei tesori” con accostamenti di materiali diversi.

In questo periodo è più vivo l’interesse per la scoperta e la

sperimentazione degli oggetti, per il loro comportamento nello

spazio a seconda di come sono maneggiati, di come possono

essere messi in relazione tra di loro.

Proponendo questo gioco in modo costante sicuramente migliorerà la concentrazione del

bambino, si svilupperanno le capacità sensoriali – percettive (caldo-freddo) e uditive (vari

rumori prodotti) e la nascita dei primi concetti logici (dentro-fuori, aperto-chiuso).

Inizialmente i giochi che i bambini preferiscono sono

infilare, svuotare, lanciare, battere gli oggetti tra loro,

portarli alla bocca.

Successivamente sperimentano la capacità di allineare,

impilare, fare, disfare secondo schemi ripetitivi che

conferiscono loro sicurezza.

 

Gli obiettivi

Con questo tipo di attività si vuole:

1. Promuovere la capacità di esplorazione e risoluzione dei problemi.

2. Aumentare la capacità dei bambini di prestare attenzione, mantenere la

concentrazione ed essere coinvolti.

3. Offrire al bambino l’opportunità di fare scelte autonome in quanto dalla scelta

delle proprie azioni derivano specifiche conseguenze.

 

Tempi e spazi

Questa attività verrà proposta 2 volte a settimana a gruppi di bambini con un massimo di 6

componenti per mezz’ora a incontro. La scelta della durata dipende dalla considerazione che

l’attenzione del bambino viene progressivamente a scemare dopo il tempo che è stato

stabilito.

Il gruppo dei bambini si recherà nella stanza sgombra da altri giochi o distrazioni, per

permettere ai bambini a cui è proposta l’attività di muoversi liberamente in un clima di

serenità e tranquillità.

 

Materiali

L’importanza per le educatrici di stilare una lista di materiali per il gioco eucaristico è data dal

fatto che questi devono essere raccolti per tempo e devono essere rinnovati periodicamente.

In particolare verranno proposti oggetti presenti in natura.

 

 

Parallelamente al progetto educativo, durante l’anno scolastico le educatrici proporranno ai

bambini alcuni laboratori:

- LABORATORIO D’ARTE “COME UN PITTORE”

- LABORATORIO DI LETTURA

- LABORATORIO DI DRAMMATIZZAZIONE

 

didattica, asilo nido torino

LABORATORIO D’ARTE

Questo laboratorio verrà intitolato “Come un pittore”, in quanto le educatrici

vogliono affrontare con i bambini un lavoro di osservazione di alcune opere di

pittori illustri, quali Kandinskij, Bruono Munari, Klee, Picasso, Renoir, Van Gogh

per proporne successivamente una rielaborazione tramite forme colori e

sensazioni.

 

TEMPI E SPAZI

Il laboratorio verrà proposto una volta a settimana con la durata di 1 ora (una

prima parte di osservazione e una seconda parte per la rielaborazione). 5

 

L’attività verrà svolta nella stanza delle ranocchie: alle pareti verranno

appese alcune stampe dell’artista e al centro verranno posizionati

cartelloni a terra o fogli sui tavoli.

Quando l’attività volgerà verso la conclusione, i bambini raccoglieranno gli

oggetti su incoraggiamento delle educatrici, riponendoli nei vari sacchetti

e scatole di latta.

Rimettere in ordine fa parte del gioco ed è una delle abitudini più

importanti da far acquisire ai bambini. Riporre ogni oggetto nel proprio

contenitore favorisce lo sviluppo di concetti logico-matematici.

 

MATERIALI

Verranno messe a disposizione dei bambini alcune stampe raffiguranti le opere

degli artisti, colori a tempera, pennelli, spugne, tamponi, pasta di sale, creta,

grosse sementi, tappi, pasta,…

 

LABORATORIO DI LETTURA

Durante questo laboratorio verranno letti con i bambini alcuni libri

che affrontano temi diversi. Le educatrici insegneranno ai bambini

l’importanza della lettura in quanto strumento che stimola la

fantasia.

Inoltre verrà insegnato ai bambini il rispetto e la cura nell’utilizzo del

libro.

 

TEMPI E SPAZI

Il laboratorio verrà proposto una volta a settimana con la durata di circa 30 minuti.

L’attività verrà svolta nella stanza dei pulcini con gruppi di 5/6 bambini per volta.

MATERIALI

Verranno messi a disposizione dei bambini alcuni libri forniti dall’asilo e altri che le educatrici

prenderanno in prestito dalla Biblioteca Multimediale di Torino situata in Corso Francia 285. 6

 

LABORATORIO DI DRAMMATIZZAZIONE

L’attività di drammatizzazione consiste nel rappresentare un racconto. I

bambini attraverso la drammatizzazione riescono a coordinare le proprie

esigenze e la propria esuberanza in relazione agli altri bambini. Inoltre

verranno stimolati nello sviluppo della crescita psicofisica incrementando

l’autonomia e la propria creatività.

 

TEMPI E SPAZI

Il laboratorio si svolgerà in sezione dove si creerà un ambiente accogliente e sereno, nel quale i

bambini si potranno travestire con abiti presenti in asilo. Il laboratorio verrà proposto 1 volta ogni

due settimane e durerà 30 minuti circa.

 

MATERIALI

L’asilo metterà a disposizione dei bambini abiti, cappelli, borse, sciarpe, foulard di ogni genere per

permettere al bambino di potersi travestire in maniera consona alla sua immaginazione.

Laboratori extra

asilo nido torino

Durante l’anno verranno proposti alle famiglie delle attività extra a cura dell’Associazione

Culturale Baby Fox e di altri esperti esterni.

 

LABORATORI BABY FOX:

- PET EDUCATION

- ATTIVITA’ MOTORIA

- INGLESE

Pet education

La pet education propone attività ludiche di conoscenza ed avvicinamento al mondo degli animali,

con l’obiettivo di migliorare le competenze sociali, cognitive ed emotive e stimolare

l’apprendimento e la comunicazione nei bimbi.

 

Attraverso la pet education il bambino impara inoltre a distinguere le azioni non verbali che

generano sensazioni di benessere da quelle che generano malessere. Si può favorire lo sviluppo 7

dell’empatia, il rispetto delle regole e degli altri , il lavoro di gruppo,... Il tutto calibrato in base

all’età dei bambini con cui si intraprende il percorso.

 

Il cane, in quanto mediatore emozionale e facilitatore delle relazioni sociali, offre ai bambini la

possibilità di proiettare le proprie sensazioni interiori e costituisce un’occasione di scambio

affettivo e di gioco.

 

Ciò che il bambino impara nell’interazione con il cane lo generalizzerà facilmente utilizzando

nuove competenze sociali all’interno di altre relazioni.

Un importante obiettivo consiste nel facilitare l’incontro bambino-cane attraverso la scoperta da

parte del soggetto di nuove e corrette “strategie comunicative” al fine di un decentramento che

aiuti ad approcciarsi all’altro in modo più consapevole e responsabile. Ovvero si punta

all’apprendimento delle corrette modalità di interazione da utilizzare con il cane, animale così

fortemente inserito nel nostro contesto sociale: aspetto questo molto importante da un lato per

infondere nei bambini l’importanza del rispetto degli animali, dall’altro per evitare quegli

spiacevoli incidenti dovuti all’incapacità dei bambini di avvicinarsi in maniera corretta ad un cane

estraneo all’interno del contesto sociale.

 

Il percorso prevede nei vari incontri:

 

- Conoscenza dell’animale

- Capacità di approcciarsi

- Bisogni dell’animale

- Attività pratiche e spostamento

- Giochi

Tempi e spazi

Si prevede un percorso che va da un minimo di 3 a un massimo di 5 incontri a seconda della

disponibilità della scuola. La durata di ogni incontro sarà di circa 50 minuti.

 

Si richiede la possibilità di un adeguato spazio, possibilmente lontano da zone di passaggio e di

confusione.

Materiali

Per questo laboratorio sono richiesti due operatori tra cui una psicologa, un pet-operator,

un’assistente delle attività e ovviamente un cane di piccola taglia.

Attività Motoria

L’attività viene proposta per favorire il movimento consapevole nei bambini più piccoli, attraverso la spontaneità dell’espressione, la manifestazione di sensazioni profonde, l’auto regolazione della condotta mediante l’attività ludica, utilizzando una serie di moduli in gommapiuma di forma e dimensioni differenti per analizzare, sviluppare e migliorare tutti gli aspetti motori del bambino.

Utilizzando i metodi dell’educazione fisica, l’intervento delle attività musicali e le forme di gioco in tutte le loro espressioni, l’educazione motoria si propone di sviluppare le seguenti unità

didattiche:

 

• Percezione, conoscenza e coscienza corporea

• Coordinazione oculomanuale

• Organizzazione spazio temporale

• Lateralità e lateralizzazione.

 

STRUTTURAZIONE DELLE LEZIONI

Le lezioni di educazione motoria, della durata di 45 minuti, sono suddivise in varie fasi: la prima

fase è caratterizzata da una serie di attività di gruppo, che con l’ausilio di alcuni strumenti musicali

e canzoncine introducono gradualmente alla lezione.

Segue la seconda fase caratterizzata da una serie di esercizi di riscaldamento generale e di alcune

attività di gruppo, in modo da preparare il bambino a quella che sarà la parte più intensa della

lezione.

La terza fase, di durata superiore rispetto alle altre, consiste nell’esecuzione di alcuni percorsi

ludico-motori e nell’ultima fase vi sarà un gioco finale e una canzoncina di saluto, che

permetteranno al bambino di terminare la lezione in modo graduale, svolgendo appunto

un’attività defaticante.

 

LABORATORIO DI INGLESE

L’obiettivo del corso è di sensibilizzare i bimbi alla

lingua inglese attraverso un approccio ludico-creativo

che comprende giochi, canzoni, filastrocche tradizionali,

momenti speciali come micromagia e spettacoli con le

marionette.

Sarà dato molto risalto all’ascolto ed alla comprensione

dei nuovi suoni, rispettando così il processo naturale

dell’acquisizione di una lingua, senza forzature. Più il

bimbo è piccolo, più il suo cervello, l’apparato uditivo e vocale possiedono maggior plasticità

favorendo il bilinguismo senza fatica.

Per introdurre i nuovi vocaboli e favorire l’associazione immagine-suono vengono utilizzate le

flash-cards, punto di riferimento molto apprezzato dai bimbi.

Il momento principale della lezione è rappresentato dalle attività ludiche: giocando, divertendosi, muovendosi e cantando i bimbi consolideranno la loro familiarità con la lingua. L’entusiasmo e la partecipazione attiva durante i giochi aiuteranno i bambini a ripetere in modo spontaneo le nuove parole acquisite. Le parole e le frasi sono selezionate con cura e rispecchiano la realtà quotidiana dei bimbi del nido. In questo modo l’inglese non sarà percepito come un momento confinato, ma un aspetto presente nella routine.

Ogni argomento che verrà trattato, oltre all’apprendimento dei vocaboli, prevede la comprensione di frasi affermative, interrogative e negative inerenti al tema.

TEMPI E SPAZI

Questo laboratorio prevede un percorso che va da un minimo di 10 a un massimo di 50 minuti

l’una.

Il laboratorio è rivolto principalmente a bambini dai 18 mesi ai 36 mesi.

MATERIALI

Nel corso del laboratorio verranno utilizzate le flash-cards che permettono al bambino

l’associazione immagine-suono.

Inoltre verranno presentati spettacoli con le marionette.

 

LABORATORIO DI MUSICA

E’ riconosciuto che la musica possieda molte delle caratteristiche del linguaggio e che come tale possa essere imparata in un’età estremamente precoce.

 

In un contesto rassicurante il bambino è in grado di imparare, giocando e senza imposizioni, a “parlare in musica”, tramite l’ascolto e una fase di assorbimento si costituisce un vocabolario di suoni.

 

Questa consapevolezza del “parlare in musica” è possibile grazie ad un pensiero musicale astratto,

già utilizzato nella didattica musicale di E. Gordon e B. Bolton.

 

Le finalità del laboratorio per bambini d’età del nido consistono nel far sì che i bambini crescano dentro la musica, la vivano, giochino e si approprino dei contenuti fondamentali del linguaggio musicale, il tutto nel rispetto delle loro fasi di sviluppo.

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DEGLI INCONTRI

Il metodo con il quale vengono tenuti gli incontri è quello di una guida informale che tende a non imporre un’attività, ma a condurre i bambini a farla tramite l’esempio dell’adulto, rispettando i loro ritmi e la loro personalità.

 

Tempi e spazi

Il laboratorio prevede 10-15 incontri. La fascia d’età a cui è rivolto è molto ampia, proprio per il

metodo che viene utilizzato e va dagli 8 mesi di vita in avanti.

 

MATERIALI

Solo in alcuni rari casi verrà utilizzato lo stereo per la musica.

Verranno poi utilizzati alcuni oggetti tipici della psicomotricità come foulard, paracadute, alcuni

giochi e degli strumenti semplici.

ASILO NIDO MINI CASA DEI BIMBI | 138, Via Carrera - 10146 Torino (TO) - Italia | P.I. 10635270019 | Tel. +39 011 7790036 | minicasadeibimbi@hotmail.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy